CREATE ACCOUNT

*

*

*

*

*

*

FORGOT YOUR PASSWORD?

*

Corporate Finance

La finanza aziendale rappresenta una delle funzioni strategiche per eccellenza delle imprese, anche delle PMI.
In tale ambito, l’obiettivo primario consiste nell'accrescere il valore dell'azienda assicurandosi che il rendimento del capitale investito sia superiore al suo costo, senza esporsi a eccessivi rischi finanziari.
In altri termini, ottenere un valore attuale netto (VAN) dell'investimento positivo.

Dal lato dei finanziamenti è fondamentale scegliere il corretto bilanciamento della struttura finanziaria, ossia il livello di debito ed il livello di capitale proprio tale da massimizzare il valore aziendale, anche attraverso il beneficio fiscale del debito.

In sintesi, persegue l’efficacia e l’efficienza del capitale investito attraverso la corretta gestione del binomio impieghi-fonti (investimenti-finanziamenti).

 

Attraverso tali attività supportiamo il management nella definizione degli obiettivi di breve e medio termine e nello sviluppo del piano strategico.

Nello specifico, definiamo i budget aziendali di breve periodo e i piani economici, patrimoniali e finanziari di medio periodo. Integrando tale mansione con l’attività di controllo finanziario, progettiamo reporting periodali finalizzati all’analisi e alla correzione degli scostamenti negativi e al rafforzamento degli andamenti positivi ottenuti.

Assistiamo i clienti nella determinazione del valore economico dell’azienda, di rami d’azienda, quote partecipative e intangibili (intangible assets).

In particolare:

  • nei casi di valutazioni eseguite nell'ambito di relazioni giurate, pareri di congruità, ecc.
  • a supporto del management in caso di valutazioni eseguite nell’ambito di operazioni di finanza straordinaria o ad esse propedeutiche
  • a conforto di valori economici già definiti (pareri di ragionevolezza o fairness opinion) nel contesto di operazioni straordinarie
Sempre più spesso, purtroppo, le imprese devono affrontare percorsi di risanamento giudiziali o extra-giudiziali.
L’asseverazione del piano è il momento centrale e particolarmente delicato del risanamento aziendale, la cui credibilità deve superare le verifiche degli organi fallimentari.
Anche nel caso di gestione c.d. extra-giudiziale della crisi (piano ex art. 67 L.F.), il piano deve presentarsi concreto e sostenibile.
In tal senso offriamo servizi di:

  • consulenza ed assistenza nelle situazioni di crisi aziendale e nella fase di liquidazione in bonis
  • intervento di risanamento e di ristrutturazione dei debiti
  • gestione degli accordi con i creditori
  • consulenza ed assistenza nel ricorso a procedure concorsuali
  • assunzione di incarichi conferiti dall'Autorità Giudiziaria

Curiamo consulenze di parte e asseveriamo piani di risanamento aziendali.  

Valutiamo la sostenibilità delle richieste di finanziamento da presentare alle banche. In particolare studiamo le forme tecniche di finanziamento più adatte ai bisogni di investimento del cliente:

  • mutui
  • prestiti obbligazionari
  • debiti bancari
  • leasing
  • factoring etc

Progettiamo il giusto mix tra capitale proprio e capitale di terzi al fine di ridurre il costo medio ponderato del capitale (WACC). In tal modo l’azienda vanterà una struttura finanziaria più equilibrata, risulterà più solida finanziariamente e avrà maggiore accesso al credito.

Aiutiamo il cliente che intende crescere per linee esterne a creare valore, valutando rischi e opportunità di un’operazione straordinaria. Attraverso l’iniziale processo di “due diligence” sono raccolte, analizzate ed interpretate informazioni finanziarie, fiscali, commerciali e legali in modo da determinare i trend di redditività passati, correnti e prospettici. 

Nello specifico, curiamo l’intero processo straordinario, dall’origination al post deal, relativamente a operazioni di:

  • acquisizioni
  • cessioni
  • conferimenti
  • fusioni
  • scambio di partecipazioni
  • scissioni
  • trasformazioni

Effettuiamo, inoltre, le valutazioni del capitale economico, la stima dei conferimenti ex art. 2343 cc., la determinazione dei rapporti di concambio e i patrimoni netti risultanti dopo le operazioni.

TOP